André Onana 1

André Onana


André Onana nasce a Nikol Ngok il 2 aprile 1996. E’ proprio in Camerun che inizia a giocare a pallone entrando nella scuola di Samuel Eto’o guadagnandosi con il tempo l’interesse del Barcellona. Il club Catalano lo tessera nel 2010 e qui, grazie anche allo strepitoso settore giovanile della squadra spagnola, si integra alla perfezione migliorando anche le sue qualità da ultimo difensore. Nel 2015 l’Ajax, che stava rinnovando il suo parco giocatori, lo acquista pagando al Barcellona il premio di formazione (150.000 euro) parcheggiandolo allo Jong Ajax che milita nella Juniper League. In Olanda il giovane portiere mette a confronto le sue abilità con un campionato professionistico, secondo solo alla Eredivisie, in cui si dimostra bravo interprete e dove acquisisce esperienza. Ancora giovanissimo quindi viene fatto salire in Prima squadra dove impiega poco a prendersi il ruolo di portiere titolare. Nel 2016-17 sono 32 le presenze in Eredivisie, mentre in Europa League arriva in finale contro il Manchester United. l’anno seguente, la stagione 2017-18, è ancora portiere titolare giocando fin’ora 21 partite. I rumors su una sua possibile partenza si fanno pressanti, e sarà inevitabile prima o poi la necessità del giovane portiere africano a disputare un campionato con maggior appeal.

André Onana 2

André Onana è un portiere di 190 cm con un fisico statuario e una agilità che gli consente di scendere a terra rapidamente. Il portiere dei lancieri mostra molta sicurezza tra i pali e una personalità spiccata. E’ un buon para-rigori, è stato in alcuni frangenti decisivo. In Football Manager può essere schierato anche come ‘Portiere-libero’, soluzione per chi fa del possesso palla una caratteristica di squadra. Ancora giovanissimo, considerando la longevità dei portieri, potrà diventare nei prossimi anni uno dei più forti estremi difensori d’Europa. Deve però migliorare nelle uscite.

 

 

André Onana 3

André Onana in Football Manager è già un buon portiere, con valori nella media che possono rivelarsi utili per quelle squadre che puntano sui giovani. Sia in carriera offline che nei tornei online può essere già adesso essere considerato titolare. Analizzando i valori troviamo una spanna sopra tutti rimesse, rinvii e uno contro uno (14) con palle alte e presa (15) le caratteristiche tecniche migliori. Da migliorare nelle qualità mentali è già a buon punto in quelle fisiche con integrità fisica e massima elevazioni (16) sopra tutti. Per concludere reputiamo il camerunese una delle prossime pedine del calciomercato, considerando anche il cambio generazionale che alcuni club devono per necessità effettuare, quindi avrà la possibilità di crescere. Da tenere d’occhio il suo sviluppo nei prossimi anni.


Lascia un commento